Il  Glutine Amichevole è stato il tema con cui il Lions Club Foggia Arpi l’11 ottobre u.s. ha inaugurato nella Sala Rosa del  Palazzetto dell’Arte di Foggia l’anno sociale 2014/ 2015.. Dopo i saluti del Cerimoniere del Club, Antonio Soranno, alle cariche Lionistiche:  il 2° Vice Governatore,  Pio Gallicchio, il  PDG Luigi Altobella, agli Officers Distrettuali e di Club e agli ospiti presenti, il Cerimoniere ha dato la parola al Presidente del Club,  Maria Rosaria Bianchi,che ha ringraziato tutti gli amici Lions e i graditi ospiti per la loro partecipazione;

Convegno: Scoperta Scientifica "Glutine Amichevole"

ha quindi illustrato nelle linee essenziali il programma, che intende svolgere nell’anno sociale e,  in particolare,  ha manifestato l’intenzione di valorizzare soprattutto i talenti del territorio, quali risorse da conoscere e sostenere per favorire lo sviluppo della Comunità, nella convinzione che da una reciproca conoscenza possano delinearsi interessi ed inattese occasioni di collaborazione. Queste sono le motivazionì per le quali il Club Lions “Foggia Arpi” ha intitolato il  meeting: Foggia: Fucina di talenti.

 

In questa ottica si inquadra proprio la scelta del tema: il Glutine amichevole, recente scoperta di una Ricercatrice del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Foggia. Il Presidente del Club ha parlato poi dei temi distrettuali e nazionali, che saranno trattati nel corso dell’anno e in particolare  del Service Distrettuale “Progetto per i Poveri e le nuove povertà, sportello multidisciplinare “Uno per l’altro”. A tal proposito ha mostrato il salvadanaio, che il Governatore ha donato a tutti i Presidenti dei Club, perché, coerentemente col suo motto, sia i soci che gli ospiti possano  essere artefici di solidarietà. E’ seguito, quindi, l’intervento della Dott.ssa. Carmen  Lamacchia , che  ha illustrato, grazie anche all’ausilio di slides,  l’esito della sua ricerca. – La dott.ssa ha messo in evidenza l’impressionante aumento della Celiachia in questi ultimi anni , aumento che ha drammaticamente modificato le abitudini alimentari di  gran parte della popolazione, con un largo aumento della domanda di prodotti  gluten free; ora la produzione di prodotti da forno senza glutine rappresenta una sfida formidabile per i tecnologi alimentari, in quanto la preparazione di  alimenti gluten free a base di cereali risulta alquanto difficile. E’ stata, quindi, valutata la possibilità di utilizzare in futuro,  per la dieta dei celiaci, farina di frumento detossificata grazie alla scoperta effettuata nei laboratori  dell’Università di Foggia.  Il  metodo sperimentato  a Foggia permette di ottenere farine, in cui le proteine del glutine  hanno subìto  dei cambiamenti tali da non attivare nelle cellule  della mucosa intestinale del paziente celiaco la produzione di citochine infiammatorie: il metodo descritto permette, quindi, di ottenere  Gluten Friendly, cioè glutine amichevole , non più dannoso per i celiaci, per tutte  le farine destinate alla produzione di prodotti derivati dal frumento e destinati ai soggetti affetti da celiachia. Dove sta la novità della scoperta? Sta nel fatto  che  i cambiamenti, a cui sono sottoposte le proteine del glutine, non sono opera di enzimi  microbici,  ma frutto di un trattamento chimico-fisico ( acqua e microonde), applicato sul seme del frumento prima della molitura. La relazione della ricercatrice ha riscosso  grande successo e destato molta curiosità e interesse. Successivamente  è intervenuto il Dott . Michele Calabrese,  Presidente Regionale  dell’AIC  (Associazione Italiana Celiaci) che ha parlato dei progressi fatti nel campo della celiachia e ha anche presentato una sua esperienza personale, in quanto padre di un giovane affetto da celiachia. Sono seguite anche altre testimonianze di celiaci e in particolare di una Sig.ra, che stava per morire, perché  ignota era la causa della sua malattia, e che si era salvata grazie all’intuizione di un medico, che aveva individuato che era affetta da celiachia. E’ intervenuta poi la Dott.ssa  Teresa Anna Maria Marcone, Presidente dell’Associazione” Stili di vita” e  dell’ Associazione Medici Diabetologi, che con molto garbo e  con  tono più leggero  ha presentato gli stili di vita da seguire per vivere in buona salute: mangiare molte verdure, frutta e pesce e soprattutto camminare molto all’aria aperta.  Conclusi gli interventi, il Past Presidente Salvatore Ficarelli ha consegnato  a Don Ivo Cavraro , missionario della Diocesi Foggia-Bovino,  che opera nella Missione di Bigene nella Guinea-Bissau, il ricavato di alcuni service realizzati dal Club  Arpi nell’anno precedente. Tale contributo  sarà utilizzato per arredare la scuola costruita dalla Missione di Foggia a Bigene.

Alla fine  il Presidente del Club ha consegnato alle relatrici un pensiero personale e al Vice Governatore Gallicchio e ai relatori tutti il guidoncino del Club. Ha poi voluto inaugurare il Salvadanaio del Governatore con una offerta personale.

Al termine della interessante serata  è seguito un buffet con alimenti privi di glutine ed appartenenti a categorie alimentari, non a rischio per  i celiaci.

Foggia 23-10- 2014                             La Responsabile di Club per la Comunicazione

Maria Rosaria Fino

Scritto da francesco paolo. Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized. Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  • Vita di Club

    WP Cumulus Flash tag cloud by Roy Tanck and Luke Morton requires Flash Player 9 or better.